Red Dead Redemption 2: gioco o opera d’arte? – Recensione